button_contattaci

Responsabilità Civile

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZall

Responsabilità per rovina di edificio

Nozione - Il proprietario di un edificio o di altra costruzione è responsabile dei danni cagionati dalla loro rovina, salvo che provi che questa non è dovuta a difetto di manutenzione o a vizio di costruzione (art. 2053 c.c.).

 

Peculiarità - Per «rovina» deve intendersi ogni disgregazione, sia pure parziale, degli elementi strutturali della costruzione, ovvero degli elementi accessori in essa stabilmente incorporati; mente per «altra costruzione» deve intendersi un qualsiasi manufatto che sporga dal suolo (come i lampioni o i cartelli pubblicitari).

 

Presupposti - Primo presupposto della responsabilità è che i danni «derivino dagli elementi dell’edificio o di altra costruzione», con esclusione di arredi e macchinari che non sono posti a servizio dell’immobile, bensì di coloro che vi abitano o vi esercitano la professione .

Secondo presupposto è la titolarità del diritto di proprietà, ovvero di altro diritto reale di godimento (es. usufrutto, uso o abitazione) sulla costruzione al momento della verificazione del danno, a nulla rilevando i trasferimenti di proprietà avvenuti prima o dopo l’evento dannoso.

 

Destinatari - Dei danni derivanti ad un terzo risponde solo il proprietario dell’edificio (anche se incapace ex art. 2046 c.c.) e non il suo conduttore, salvo il caso di concorso fattivo (e non meramente omissivo) nella causazione della rovina; analogamente, sono sottratti alla speciale responsabilità per rovina di edificio prevista dall’art. 2053 c.c. coloro che hanno il possesso o la detenzione dell’immobile senza la titolarità di un diritto reale di godimento.

 

Prova liberatoria - Il proprietario si libera da responsabilità solo con la prova che l’evento dannoso non è attribuibile a un vizio di costruzione o ad un difetto di manutenzione e, cioè, dalla ricorrenza del caso fortuito, della forza maggiore ovvero di altri fatti, anche se non presentino i caratteri della imprevedibilità ed inevitabilità, posti in essere da un terzo o dallo stesso danneggiato, aventi un’efficienza causale del tutto autonoma alla condotta del proprietario medesimo. (g.b.)

 
Joomla SEF URLs by Artio

Sei caduto dentro una buca? La tua vita è cambiata per aver riportato invalidità permanenti? Un avvocato non ti restituirà l'integrità fisica, può aiutarti però a tutelare i tuoi diritti!

Cendon & Partners - Copyright ©  2011 - 2014
Tutti i diritti riservati - Codice fiscale 90129330321

Condividi

button_s_ped

Vietata la copia e la riproduzione anche parziale - Web Agency Altavista Firenze

CSS Validity XHTML Validity